The North Face Mountain Festival: la passione unisce

Travel
the north face mountain festival
on
02/08/2018

L’ultimo weekend di luglio ho avuto modo di partecipare al Mountain Festival di The North Face.

Una manifestazione per celebrare la passione della montagna che si ripete ogni anno e per la prima volta in Italia, per la precisione in Val San Nicolò, una laterale della Val di Fassa, in Trentino.

Per 3 giorni persone da tutto il mondo, di tutte le religioni ed età si sono incontrate in un posto per condividere dei momenti unici.

Ma partiamo dall’inizio: con 149€ si poteva entrare a fare parte di questo grande evento. Tutti i partecipanti potevano godere di uno spazio per piantare la propria tenda, colazione, pranzi al sacco e cene (ad eccezione dell’alcool che variava da 3 €per una birra a 5 per dei vini locali), toilette, le attività di cui parlerò più avanti, musica dal vivo la sera e la possibilità di ascoltare speech, la possibilità di essere fianco a fianco a leggende dell’alpinismo.

the north face mountain festival

Il Team di atleti The North Face

L’iscrizione avveniva tramite il sito dedicato dove pochi giorni prima della manifestazione ci si poteva iscrivere anche alle attività.

Hiking, trial running, climnbing, paragliding (si vabbè faccio l’internazionale…sarebbe il parapendio), cooking masterclass e workshop di fotografia.

Ogni attività era seguita da guide e sportivi del settore ed era divisa a livelli di difficoltà cosicchè tutti si potessero divertire e provare nuove emozioni.

the north face mountain festival

Hiking

Il campo era fatto da grandi tende stile campo base dove erano situate la reception (nota dolente solo in lingua inglese anche se eravamo in Italia), un corner dove poter provare tutti i prodotti The North Face, un negozio con la possibilità di personalizzare la propria attrezzatura, la mensa, un bar e la struttura come punto di ritrovo. Vicino al bar un pulmino della Campari che offriva spritz da mattina a notte inoltrata e due grandi bracieri sempre accesi per scaldarsi.

the north face mountain festival

Campo Base

the north face mountain festival

Campo Base

A circa 50 metri due prati dove poter piantare la propria tenda.

the north face mountain festival

Nascosti dietro una staccionata una fila di bagni chimici e dei container con lavandini e docce, purtroppo con poca acqua calda rispetto al numero di partecipanti. Ma nessun problema, noi montanari sono abituati all’acqua fredda nei rifugi!

Io sono arrivato il venerdì sul tardi per motivi di lavoro quindi il mio racconto parte da qui.

La sera si mangiava a buffet con persone del posto che ti servivano piatti tipici (canederli, gulash, spetzle per dirne alcuni) in quantità spropositata e con un super sorriso sulla bocca.

Dopo cena si poteva chiacchierare bevendo qualcosa oppure seguire gli interventi degli atleti del team The North Face, persone che al giorno d’oggi vengono considerati quasi leggende… le generazioni successive al nostro grande Reinhold Messner che un piccolo Federico ha avuto modo di conoscere nel lontano 1994.

the north face mountain festival

Ogni sera la pioggia arrivava…anticipata da un bel po’ di lampi e tuoni

Ho scoperto così il progetto She Love Mountains, un progetto di 2 anni che attraverso diversi sport aiuta le donne a migliorare le loro potenzialità in termini di leadership senza guardare lo status economico e sociale.

the north face mountain festival

She moves mountains

La seconda sera ho seguito invece il talk dei Fratelli Pou dove hanno raccontato la loro avventura “4 Elementos” in Africa ma soprattutto il mini film “Lunar Ri – Walk The Line” con protagonisti il grandissimo Konrad Anker e la stella nascente dell’alpinismo David Lama, che racconta la loro spedizione del 2016 quando l’americano ebbe un attacco di cuore a oltre 6.000 m. I 2 atleti erano seduti per terra in mezzo a noi che se la ridevano (pensate avere a fianco per un appassionato di calcio Maradona) , alla fine si sono alzati tra la folla e diretti sul palco e dopo aver fatto anche loro un piccolo talk Konrad ha preso le redini dell’intervista e ha concluso con un bel “FUCK TRUMP!”.

Infine la serata è terminata con uno show di luci e un video… la presentazione del nuovo progetto The North Face… il #PinnacleProject.

Il pomeriggio di sabato in anteprima per noi media siamo saliti da Malga Crocifisso in direzione Bivacco Zeni.

Circa 2 ore di camminata, prima in un terreno boschivo e poi roccioso con alcune parti di sentiero attrezzato (quindi occhio! non è adatto a tutti e non in tutte le condizioni atmosferiche).

the north face mountain festival

Qui, fino al 7 agosto, il bivacco è stato trasformato in uno spazio temporaneo  che tutti possono raggiungere e dove si possono trovare 8 prodotti The North Face utilizzati dagli atleti del team nelle loro più importanti imprese della vita raccontati da un wall a led con immagini e voci dei protagonisti. Si può quindi toccare e vedere il giaccone di Conrad Anker della sua missione in Antartide o quello di Tamara Lunger che ha usato nel Nanga Parbat, per continuare con il borsone di de Le Rue che ha usato per scendere il vulcano a Vanuatu in snow.

the north face mountain festival

I prodotti sono all’asta nel sito del Pinnacle Project e il devoluto andrà alla Società degli Alpinisti Tridentini (SAT) quindi The North Face viene ma anche aiuta in diversi modi il territorio: lo mette al centro dell’attenzione per 3 giorni grazie a tutta la comunicazione online e offline e lo aiuta anche economicamente grazie a questa opera benefica.

Mentre scoprivo questo nuovo progetto del brand i partecipanti si divertivano con le varie attività. Vi consiglio di cercare le foto condivise su Instagram con l’hashtag #MountainFestival potrete vedere la felicità negli occhi di tutti. C’è chi è arrivato in cima alla Marmolada, chi ha fatto anche solo 6 metri di arrampicata per la sua prima volta, chi ha scoperto come fare foto più belle del solito, ecc. Lo vero spirito della montagna è questo, non solo chi è super preparato e pensa che le altre persone, solo perchè magari non ne hanno mai avuto l’opportunità, sono pura feccia.

Nel pomeriggio al mio ritorno ho avuto la possibilità di intervistare Simone Moro, uno degli alpinisti più forti al mondo. Non mi dilungo sulla sua biografia che comunque potete leggere qui ma vi dico solo che ho cercato di chiedergli cosa vuol dire cosa sono, secondo lui, i social media nell’alpinismo e cosa serve per comunicare al meglio questo sport. Trovate tutto nel mio canale IGTV su Instagram (cllica qui).

the north face mountain festival

Simone Moro… alpinista, scrittore, pilota, medaglia d’onore

Il  Mountain Festival di The North Face è stato secondo me un grande successo sotto tutti i punti di vista. Spero che il prossimo anno di essere ancora presente a questa bellissima manifestazione per spingermi un po’ oltre il mio limite (molto basso devo dire) e soprattutto per #NeverStopExploring!

the north face mountain festival

TAGS

LEAVE A COMMENT

FEDERICO GRAZIATI
Treviso - ITALY

Nel mio passaporto c'è scritto Federico Graziati ma puoi chiamarmi Fede o Graz. Lavoro nel mondo della comunicazione e sono per passione fotografo e instagramer. Uso questo questo spazio per raccontare quello che vedo attraverso i miei occhi. Le foto dei posti e delle cose che ho l'opportunità di visitare penso siano il miglior strumento che io possa usare per condividere le mie esperienze con voi. Seguimi per trovare la vera essenza della scoperta!

Instagram
  • ~ love driving ~

ITA 🇮🇹 Oggi è terminata la mia 4 giorni presso Ponte di Legno.
Ho potuto vivere tantissime esperienze, cosa che io ritengo fondamentale per una località montana.
Tornando indietro appena passato il passo del Tonale ho fatto una piccola deviazione verso la frazione di Stavel, la tortuosa strada tra il bosco mi ha portato ad ammirare il gruppo della Presanella con le sue cime fantastiche, regno dei freeriders.
~
ENG 🇬🇧 Today my 4 days ended at Ponte di Legno.
I have lived many experiences, which I consider essential for a mountain resort.
Returning home, just past the Tonale pass I made a small detour to the village of Stavel, the winding road through the woods led me to admire the group of Presanella with its fantastic peaks, the kingdom of freeriders.

#ad per @visitbrescia @pontedilegnotonale

#fromGrazEyes #visitbrescia #pontedilegnotonale
  • ~ relax at high altitude ~

ITA 🇮🇹 Trovare una SPA completa di tutto in un rifugio a oltre 2.700 metri è una cosa incredibile.
Se ci si mette poi una vista incredibile delle Alpi Retiche che spazia verso la Val di Sole penso che sia un luogo per una perfetta fuga di coppia.
~
ENG 🇬🇧 Finding a beautiful SPA  in a hut over 2,700 meters is an amazing thing.
There is also an incredible view of the Retiche Alps that ranges to the Val di Sole, I think it is a place place for a perfect couple journey.

ad per @visitbrescia

#visitbrescia #pontedilegnotonale
  • ~ it is always beautiful ~

ITA 🇮🇹 È difficile trovare la bellezza dappertutto ma chi ci riesce è davvero una persona speciale.
~
ENG 🇬🇧 It's difficult to find beauty everywhere but whoever succeeds is really a special person.

#fromGrazEyes
  • ~ light games ~

ITA 🇮🇹 Mentre mi appresto a rimettere gli sci per iniziare alla grande la stagione invernale mi vengono in mente le fantastiche scogliere delle isole Orcadi.
~
ENG 🇬🇧 As I prepare to start the winter season, the fantastic cliffs of the Orkney islands come to mind.

#fromGrazEyes
  • ~ over the clouds ~

ITA 🇮🇹 Con questo video voglio fare un piccolo appello a tutte le persone che abitano nel Veneto Orientale.
Come ben sapete a fine ottobre in varie zone montane è successa una tragedia. So che molti di voi non amano la montagna ma potete fare una piccola gita di mezza giornata su uno dei monti più vicini e che magari vedete ogni giorno dalla pianura.
Da Vittorio Veneto parte la bellissima salita verso il rifugio Col Visentin. Sono 16km di tornanti di cui gli ultimi 4 su sterrato, un'adrenalina unica.
Da qui potete godere uno dei panorami più belli delle prealpi e magari, prendendo anche solo una birretta, aiutare il gestore che ha avuto alcuni danni dovuti dal vento che sferzava a quasi 200km/h.
~
ENG 🇬🇧 With this video I want to make a small appeal to all the people who live in Eastern Veneto.
As you well know, a tragedy occurred in various mountain areas at the end of October. I know that many of you don't like the mountains but you can take a small half-day trip to one of the nearest mountains that maybe you see every day from the plains.
From Vittorio Veneto starts the beautiful road to the Col Visentin refuge. There are 16km of hairpin bends of which the last 4 on dirt, a unique adrenaline.
From here you can enjoy one of the most beautiful views of the pre-Alps and maybe, even taking a beer, help the owner who had some damage due to the wind that lashed at almost 200km/h.

#fromGrazEyes
  • ~ good night Venice ~

ITA 🇮🇹 Deve un po' bruciare ai veneziani che una delle viste più belle della Serenissima è di una famiglia trevigiana.
~
ENG 🇬🇧 It must make the Venetians angry that a family from Treviso owns one of the most beautiful views of the Serenissima.

#fromGrazEyes
  • ~ Sometimes you need only little things ~

ITA 🇮🇹 Ieri pomeriggio sono stato su un monte vicino casa, non c'ero mai stato.
16km di tornanti do cui 4 in sterrato. Mille foto in cima poi dentro al rifugio a ripararsi dal freddo. Infine prima di andare via uno spettacolo a 1700 metri di quota.
Un magia incredibile, i raggi sembravano accarezzare le prealpi.
~
ENG 🇬🇧 Yesterday afternoon I was on a mountain near my house, I had never been there.
16km of hairpin turns of which 4 in dirt. A thousand photos at the top then inside the shelter to protect myself from the cold. Finally, before leaving, a show at 1700 meters of altitude.
An incredible magic, the rays seemed to caress the pre-Alps.

#fromGrazEyes
  • ~ Percorsi Enogastronomici di Ricerca ~

ITA 🇮🇹 Oggi ho avuto modo di incontrare un'altra eccellenza del mio territorio.
È sempre bello scoprire cosa c'è dietro alla creazione dei prodotti che vincono i premi più ambiti a livello internazionale del loro settore.
Oggi ero alla @perperenzin. Ho scoperto il processo di creazione dei formaggi biologici di varia stagionatura.
Sapevate che quando il formaggio fa la muffa non dovete toglierla con il coltello perché le spore continueranno ancora a proliferare? Semmai prendete un panno bagnato e delicatamente rimuovetela.
~
ENG 🇬🇧 Today I have had the opportunity to meet another excellence of my territory.
It's always nice to find out what's behind the creation of products that win the most coveted international awards in their industry.
Today I was at @perperenzin. I discovered the process of creating organic cheeses of various maturation.
Did you know that when the cheese is moldy, do not you have to remove it with a knife because the spores will still continue to proliferate? If anything, take a wet cloth and gently remove it.

#fromGrazEyes #igerstreviso #cheestameet #cheesemakingart

Seguimi!