Ponte di Legno: vivere lo sci alla bresciana

Travel
on
27/12/2018

Ponte di Legno, per gli appassionati di sci praticamente un mito. Pensate che qui fu fondato il primo sci club italiano (e secondo del mondo) nel 1911 e, l’anno successivo, il Touring Club Italiano la definì come “prima stazione italiana di turismo e sports invernali“.

ponte di legno vista drone
Ponte di Legno e il gruppo del Castellaccio

Ho potuto scoprire, grazie all’ente del Turismo della provincia di Brescia, questo paese alpino situato in Lombardia.

La mia missione qui era scoprire e raccontare la vita del classico sciatore.

Il problema è che il classico sciatore ha diverse sfaccettature… beh dividiamolo in 2 grandi macro categorie: giovane e con famiglia.

Il primo è meglio che scelga un hotel al Passo del Tonale dove c’è più vita notturna e Apres Ski, il secondo invece cerca più comodità e servizi quindi è meglio prenoti direttamente a Ponte di Legno.

Cosa cambia oltre a questo? Principalmente nulla. Il comprensorio sciistico si estende da Temù fino al Ghiacciaio del Presena (oltre 3.000m) passando per il Tonale.

100km di piste dichiarate con 100% di innevamento programmato. Quelle sul ghiacciaio aperte da novembre a maggio mentre le altre come tutte le stazioni sciistiche dell’arco alpino (indicativamente dicembre/aprile). In pratica il 3° comprensorio sciistico della Lombardia come estensione, ma con 2 pro belli grandi: gli impianti, per la maggior parte, hanno pochi anni di vita e c’è una delle piste più lunghe d’Italia (la mitica Paradiso con oltre 1.000 metri di dislivello).

,Per gli snowboarder sul Tonale c’è uno snowpark dedicato a loro e per chi invece proprio non riesce a stare lontano dalle piste, 4 sere a settimana (a Ponte di Legno e sul Tonale) 2 piste con illuminazione notturna.

passo del tonale dall'alto
Il Passo del Tonale
ghiacciaio presena cabinovia
Arrivo prima cabinovia del ghiacciaio Presena
ghiacciaio presena 3000 metri
Verso i 3.069 metri
piste da sci ponte di legno drone
Piste di Ponte di Legno in preparazione

Se qualcuno ama il freeride poi, quando è inverno inoltrato, arrivare già in cima con un impianto e avere la possibilità di scendere su un terreno immacolato è pura libidine e grazie al Ghiacciaio del Presena è possibile.

ghiacciaio presena
Pendi vergini che aspettano solo i freeriders

Convinti? Beh ora lo farò ancora di più perché rispetto ai comprensori trentini lo skipass giornalieri per un adulto è molto più basso: 44 euro!

Dove mangiare a Ponte di Legno

Pranzo

Beh durante il giorno lo sciatore è sulle piste quindi sicuramente i primi due posti non possono che essere due locali raggiungibili con gli sci ai piedi per gustarsi un pranzo come si deve.

Il primo è “La Baracca“, situato proprio sul passo del Tonale. Perfetto quindi per le famiglie perché raggiungibile anche da persone senza sci e a pochissimi metri dagli impianti. L’edificio è modernissimo, interamente realizzato in vetro, legno e acciaio.

Appena entrati al piano terra c’è un il classico bar dove vengono serviti panini e snack mentre salendo al piano superiore si apre una unica grande sala illuminata dalla luce naturale che filtra dalle vetrate a 270°. Bancone e tavoli in legno chiaro con linee semplici che rendono l’atmosfera ricercata.

Il menù? Beh qui si trova un po’ di tutto ma ovviamente scegliendo i piatti della tradizione alpina un po’ lombarda e un po’ trentina non si può sbagliare. Magari il tutto accompagnato da un vino rosso della zona.

passo tonale la baracca
Il ristorante de La Baracca
passo tonale la baracca mangiare
Dai casoncelli passando per il formaggio di malga alla piastra fino ai dolci

Il secondo posto invece è più chic. Stavolta ci spostiamo a Capanna Presena sull’omonimo ghiacciaio a 2.753 metri, raggiungibile con 2 comode ovovie.

Varcata l’entrata, ci si trova in uno spazio ampio e moderno che però, grazie alla sua essenzialità e alle sue vetrate, ti fa sembrare di essere ancora fuori tra le vette innevate. C’è una parte adibita a bar, una a self-service e una più defilata da ristorante a la carte.

L’accoglienza di una baita e l’eleganza di un ristorante fanno di questo rifugio un posto per amanti del buon cibo e dello sci… però non è finita qui! Oltre a 8 piccole suite, questo rifugio ha anche un modernissimo centro benessere. Area relax, sauna finlandese, sauna curativa agli infrarossi ma soprattutto una piscina con idromassaggio con vista sulle cime che si stagliano a oltre 3.000 m. Un’atmosfera incredibilmente romantica e rilassante.

passo del tonale capanna presena menu
La tradizione prima di tutto a Capanna Presena
passo del tonale capanna presena spa sauna terme
Sauna
passo del tonale capanna presena spa sauna terme
Piscina panoramica con idromassaggio

Cena

A fine giornata, lo sciatore stanco e provato, desidera solamente un luogo accogliente e con una cucina tipica di livello. A Ponte di Legno ci sono diverse possibilità che faranno felici anche i palati più fini.

Il primo è il ristorante Kro a Temù (5 min. di auto da PdL) che con la sua calda atmosfera vi rapirà subito. Kro vuol dire “Stazione di Posta”, un luogo dove i viandanti fino da Medioevo si rifocillavano e trovavano riparo. All’interno i locali in legno e pietra ti fanno subito sentire al sicuro dal freddo esterno e le piccole stanzine danno quel tocco di privacy che non guasta. Questo locale è presente anche nella guida Michelin 2019 quindi rimarrete davvero soddisfatti.

ristorante kro temù mangiare michelin
Ristorante KRO (Temù)
Casoncelli lavorati a mano su fonduta di Filter

Cervo cotto a bassa temperatura con castagne, finferli e polenta

Frolla di mascobado, mela e gelato alla cannella

Siete in centro a Ponte di Legno e non volete muovere la macchina? Beh allora il ristorante El Volt fa al caso vostro. Appena entrato mi sono trovato in tanti piccole stanze di una casa storica sapientemente ristrutturato in chiave mountain chic, mi dava quella sensazione di casa. Anche qui prodotti tipici ma, da sottolineare, c’è la grande selezioni di vini che la cantina offre. Unico neo: i locali del ristorante sono davvero angusti.

risotrante el volt ponte di legno mangiare
El Volt, consigliato se non siete in tanti

Se volete più sostanza invece il Ristorante San Marco a Ponte di Legno fa per voi. Ambiente più semplice e modesto ma la cucina dello chef Marco Bezzi non la dimenticherete. Tutti prodotti sono dell’Alta Val Camonica cucinati alla vecchia maniera, un tripudio di sapori incredibili. Se siete fortunati lo chef verrà direttamente al vostro tavolo a intrattenervi e fidati che è un’esperienza davvero esilarante.

ristorante san marco ponte di legno mangiare
Semplicità e tradizione al ristorante San Marco

Ultimo ma sicuramente non meno importante è Il Faita, situato su di un prato poco prima del passo del Tonale. Attenzione questo è aperto solo sabato sera mentre durante la settimana solo su prenotazione per gruppi di almeno 20 persone. D’inverno si raggiunge la baita con la motoslitta, anche solo per questo secondo me è da provare! Ovviamente in questa baita si gustano tutte le pietanze tipiche montane della Val Camonica e del Trentino. Da leccarsi i baffi!

ristorante rifugio baita il faita ponte di legno passo del tonale
Il Faita, immerso nel silenzio

Attività extra sciistiche

Fuori è brutto tempo? Avete qualche amico che non scia e se gli provate a mettere ai piedi uno scarpone si mette a gridare come un bambino di 2 anni? Ponte di Legno offre tantissime altre attività sane e attive.

La classica gita con le ciaspole non può mancare, calpestare il manto nevoso immacolato godendosi un panorama fantastico è sempre un’esperienza magica. Se volete qualcosa di più dinamico ci sono diversi tracciati per le fat bike che potete noleggiare in loco.

Se siete amanti dell’adrenalina al Passo del Tonale c’è un circuito per motoslitte, uno di go kart e uno di guida sicura su neve. Che dire una figata pazzesca!

Se volete un po’ più di natura potete fare Sleddog, le slitte trainate dai cani sono sempre affascinanti e altrettanto adrenaliniche

Infine a Temù, Ponte di Legno e sul passo del Tonale ci sono delle piste di pattinaggio… magari un giretto sulle lamine prima di cena non è una brutta idea no?

Novità per la stagione invernale e non solo

Grandi novità per Ponte di Legno sin da questa nuova stagione sciistica.

La prima è l’ICE MUSIC FESTIVAL: a 2.600m di quota, facilmente raggiungibile con la cabinovia del Presena, è stato costruito un anfiteatro coperto scavato nel ghiaccio. Qui, da Capodanno fino a fine marzo, si seguiranno decine di concerti con artisti di fama internazionale. La cosa particolare è che tutti gli strumenti saranno creati in ghiaccio dalle sapienti mani dell’artista americano Tim Linhart. Avete capito bene! Un’esperienza unica che consiglio di provare perché non vi capiterà da nessun’altra parte…

ice music festival ponte di legno passo del tonale ghiacciaio presena
Musica ad alta quota con strumenti in ghiaccio. Pura magia!

La seconda novità invece è prevista per il 2021 perché proprio per quella data Ponte di Legno avrà le sue nuove terme. Un complesso enorme, elegante e moderno che aumenterà ancora di più l’offerta turistica del paese.

Per finire il 28 maggio 2019 Ponte di Legno sarà arrivo della tappa più difficile del Giro d’Italia con salite leggendarie come il Gavia e il Mortirolo.

Come arrivare a Ponte di Legno

Il paese è situato al termine della Val Camonica. Proprio da qui si può andare verso la Val di Sole attraverso il famoso passo del Tonale oppure percorrendo il passo Gavia arrivare in provincia di Sondrio.
Come avete capito poco sopra ci troviamo nell’estremo nord della provincia di Brescia. Per chi viene dal Triveneto consiglio di arrivare fino poco dopo Trento e poi seguire le indicazioni Val di Sole/Passo del Tonale mentre per il resto degli Italiani la scelta migliore è uscire dall’autostrada A4 a Brescia, proseguire per il Lago d’Iseo e poi successivamente seguire le indicazioni per Ponte di Legno.

ponte di legno passo del tonale temù vermiglio come arrivare

Ponte di Legno è un medio comprensorio sciistico, valida alternativa ai più blasonati concorrenti del Trentino Alto Adige. Ad eccezione per chi viene dal Veneto è molto più vicino rispetto a tante altre mete sciistiche. Gli impianti sono moderni rispetto alla media dell’arco alpino e il paese è in crescita finanziaria e con una buona offerta per il tempo libero.

PS: sevi piacciono le belle ragazze Paola Turani ha preso casa qui proprio quest’anno.

Una destinazione che consiglio sia per un weekend lungo o un ponte.

Vi ricordo che rimango sempre a disposizione per qualsiasi domanda e vi ricordo di seguire le mie avventure sul mio Instagram e pagina Facebook.

ponte di legno centro ponte
Il centro di Ponte di Legno
TAGS

LEAVE A COMMENT

FEDERICO GRAZIATI
Treviso - ITALY

Nel mio passaporto c'è scritto Federico Graziati ma puoi chiamarmi Fede o Graz. Lavoro nel mondo della comunicazione e sono per passione fotografo e instagramer. Uso questo questo spazio per raccontare quello che vedo attraverso i miei occhi. Le foto dei posti e delle cose che ho l'opportunità di visitare penso siano il miglior strumento che io possa usare per condividere le mie esperienze con voi. Seguimi per trovare la vera essenza della scoperta!

Instagram
  • ~ Malcesine ~

ITA 🇮🇹 Immaginati un piccolo borgo medievale circondato dalla natura. A est, i campi di olivo e il Monte Baldo, statico e maestoso. A ovest, le spiagge e il Lago di Garda, dinamico e vigoroso. Nel mezzo, sospeso fra acqua e montagna, un piccolo paese raccolto attorno al Castello Scaligero.
~
ENG 🇬🇧 Imagine a small medieval village surrounded by nature. To the east, the olive fields and the Monte Baldo, static and majestic. To the west, the beaches and Lake Garda, dynamic and vigorous. In the middle, suspended between water and mountains, a small town gathered around the Scaliger Castle.

#fromGrazEyes
  • ~ my birthday ~

ITA 🇮🇹 Ho passato il weekend del mio compleanno sul Lago di Garda in ottima compagnia.
Il momento più bello è stato il tramonto da qui.
Questo posticino è stato per diversi secoli un angolo di paradiso per diverse famiglie nobili tra le quali  Maria Luigia duchessa di Parma, il re di Napoli, l'imperatore Alessandro di Russia, Winston Churchill, Otto Hahn e la sua consorte, la pittrice Edith Junghans, Laurence Olivier, Vivien Leigh e il principe Carlo d'Inghilterra... e da ieri pure il sottoscritto.
~
ENG 🇬🇧 I spent my birthday weekend on Lake Garda with a good company.
The most beautiful moment was the sunset from here.
This little place has been a corner of paradise for some noble families for several centuries, including Maria Luigia Duchess of Parma, the King of Naples, Emperor Alexander of Russia, Winston Churchill, Otto Hahn and his wife, the painter Edith Junghans , Laurence Olivier, Vivien Leigh and Prince Charles of England ... and, since yesterday, myself.

#fromGrazEyes
  • ~ silk ~

Quando il tramonto giunge nelle lande della Scozia un silenzio avvolge ogni cosa.
Solo te e la natura.
~
When the sunset reaches the lands of Scotland a silence envelops everything.
Only you and mother nature.

#fromGrazEyes
  • ~ Garda weekend ~

ITA 🇮🇹 Questo weekend inizia stasera, ho scelto di passare due giorni tra terme e bei posti veneti del lago di Garda (anche se questa foto è della riva lombarda). Voi cosa farete?
~
ENG 🇬🇧 This weekend starts tonight, I chose to spend two days between thermal baths and beautiful Venetian places on Lake Garda (even if this photo is from the Lombard shore). What will you do on the next day?

#fromGrazEyes
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
#garda #gardasee #gardalake #brescia #igersbrescia #inlombardia #lombardia #lagodigarda #chasinglight #europe_vacation #world_vacation #communityfirst #postcardfromtheworld #main_vision #exploretocreate #transfer_visions #click_vision #freedomthinkers #wonderfulplaces #rsa_outdoors #travellingthroughtheworld #ig_countryaward #visualoflife #ig_italia #italianlandscapes #nature_wizards #italian_trips #italian_places #italiainunoscatto
  • ~ 6 years old ~

La mia prima e unica volta a Firenze fu 6 anni fa per un viaggio con l'università. Questa foto la feci appoggiando sul muretto che spunta a destra.
Da allora tanto è cambiato, @instagram era solo per gente con l'iphone e io lo detestavo soprattutto per il formato quadrato (infatti questa foto sarebbe orizzontale ma l'ho ritagliata).
Ieri ci sono tornato per andare a scoprire la Maison di Moda Ermanno Scervino, il motivo? Sto seguendo il lancio del suo nuovo profumo.
~
My first and only time in Florence was 5 years ago for a trip with the university. I took this photo on the wall that protrudes to the right.
Since then much has changed, @instagram was only for people with the iPhone and I hated it especially for the square format (in fact this photo would be horizontal but I cut it).
Yesterday I went back to discover the Ermanno Scervino fashion house, why? I'm following the launch of his new perfume.

#fromGrazEyes
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
. 
#firenze #igersfirenze #toscana #igerstoscana #igersitalia #italia #pontevecchio #longexposure #longexpo #photography #livefolk #passionpassport #lonelyplanet #beautifuldestinations #neverstopexploring #finditliveit #welltravelled #mytinyatlas #wonderful_places #igmasters #mashpics #awesomepix #awesomeearth #italian_places #moodygrams #agamesoftones #createcommune #illgrammers #fatalframes
  • ~ Piazza Cavalli ~

ITA 🇮🇹 A inizio XVII secolo, Ranuccio I Farnese, signore di Parma e Piacenza, desiderava omaggiare la memoria del padre Alessandro nonché assicurarsi la futura permanenza della propria.
Egli convocò a Piacenza, capitale del
Ducato, lo scultore Francesco Mochi.
Ranuccio gli commissionò due statue in bronzo al fine di recuperare il favore della popolazione - in quel momento la famiglia Farnese soffriva una particolare impopolarità - le quali avrebbero dovuto rappresentare suo padre ed egli stesso fieramente trasportati da nobili destrieri.
L'ubicazione prescelta fu sin dal principio quella, centralissima, della Piazza del Comune.
Da qui il nome odierno di Piazza Cavalli.
~
ENG 🇬🇧 At the beginning of the XVII century, Ranuccio I Farnese, Duke of Parma and Piacenza, wanted to pay homage to the memory of his father Alessandro and to ensure the future permanence of his own.
He called to Piacenza, the capital of
Ducato, the sculptor Francesco Mochi.
Ranuccio commissioned two bronze statues to recover the favor of the population - at that time the Farnese family suffered a particular unpopularity - which should have represented his father and himself proudly transported by noble horses.
The chosen location was a very central location: the place of the city.
Hence the today's name of Piazza Cavalli.

#fromGrazEyes #Storiedipiacenza #visitpiacenza #igerspiacenza
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
#piacenza #igersemiliaromagna #emilia #turismoer #emiliaromagna #architecture #archilovers #architettura #farnese #gotic #cityscape #livefolk #whatitalyis #passionpassport #lonelyplanet #beautifuldestinations #neverstopexploring #finditliveit #welltravelled #mytinyatlas #wonderful_places #igmasters #mashpics #awesomepix #awesomeearth #italian_places
  • ~ Piacenza ~

ITA 🇮🇹 In tanti mi avete chiesto quando mettevo qualche foto di Piacenza.
Beh vi faccio vedere un punto di vista che nessuno ha mai visto su Instagram.
Piacenza è una città piccola ma con delle persone davvero ospitali e gentili.
Subito ti colpisce per le sue tipicità gastronomiche (non si troverebbe in Emilia sennò) ma poi scavando scopri delle chicche incredibili come la sua architettura. La sua piazza principale ad esempio, si chiama Piazza 2 Cavalli (per le 2 bellissime statue della famiglia Farnese) dove il Palazzo Gotico del XIII secolo è contrastato dall'architettura razionalista degli anni 30.
~
ENG 🇬🇧 Many have asked me when I put some photos of Piacenza.
Well I'll show you a point of view that nobody has ever seen on Instagram.
Piacenza is a small city but with really hospitable and kind people.
On the first time it strikes you for its typical gastronomy (we are in Emilia otherwise) but then you discover incredible gems like its architecture. Its main square, for example, is called Piazza 2 Cavalli (for the 2 beautiful statues of the Farnese family) where the Gothic Palace of the 13th century is contrasted by the rationalist architecture of the 30s.

#fromGrazEyes #Storiedipiacenza #visitpiacenza #igerspiacenza
.
.
.
.
.
.
.
.
.
. 
#piacenza #turismoer #emilia #emiliaromagna #dji #djimavic #mavic #mavicpro #fromthetop #drone #fromwhereidrone #droneoftheday #onthetop #dronestagram #architecture #archilovers #architettura #beautifulmatters #europe_vacation #world_vacation #italy_vacations #awesomepix #awesomeearth #italian_places #moodygrams #igersemiliaromagna
  • ~ ombra ~

Ombra per molti italiani vuol solo dire una cosa ma, soprattutto in Veneto, ha un significato molto più piacevole.
Come sapete noi veneti siamo famosi per il bere vino in quantità superiori alla media nazionale (è un pregio eh!).
A Venezia ovviamente Piazza San Marco era, e lo è tutt'ora, il centro della vita della città dove ci si incontrava a fare due chiacchiere magari con un bel bicchiere in mano del prezioso nettare.
Qui in passato, vedendo anche moltissimi dipinti dell'epoca, era pieno di bancarelle soprattutto attorno al campanile.
Ovviamente il vino non può rimanere al sole, le bancarelle quindi venivano spostate a seconda di dove si trovava l'ombra della torre campanaria.
Da qui il classico bicchiere di vino è diventato la famosa ombra de vin.

Se volete scoprire un'altra parola, il giro d’Italia di Scrabble continua con @colapetra, tra poco ve ne farà scoprire una del mio amato Trentino Alto Adige.

#adv #Scrabble

#fromGrazEyes #ScrabbleComeParli

Seguimi!